Differential Reference Station del Galileo Test Range

Il laboratorio di Radar e Navigazione ospita al suo interno il  Differential Reference Station del Galileo Test Range.

Il Galileo Test Range (GTR) è stato concepito come un laboratorio permanente ed un centro tecnologico. La realizzazione del GTR è iniziata a metà del 2005 con i seguenti obiettivi:

  • Caratterizzare e verificare i nuovi segnali di navigazione: GPS L2C, GPS L5, EGNOS L1, EGNOS L5, GSTB-V2 & GALILEO.
  • Supportare, per le applicazioni che lo richiederanno, il processo di certificazione dei ricevitori Galileo, GPS & EGNOS.
  • Definire e sperimentare sul campo “Prototipi applicativi” nell’ambito della navigazione.
  • Definire e fornire alla comunità alcuni servizi di navigazione.
  • Rappresentare il punto di riferimento, per piccole e medie industrie locali e per centri di ricerca, sui temi della navigazione.

Lo sviluppo del GTR è stato previsto in 3 fasi (A, B e C); con l’obiettivo di “fasare” lo sviluppo del GTR al progredire della definizione e realizzazione del sistema Galileo:

  • Fase A: Definizione e Start-Up. Implementazione del GTR in una configurazione iniziale, basata sulla capacità di generazione del segnale GPS-Like (da sottosistemi detti Pseudoliti) e sulla capacità di ricezione ed analisi del segnale GPS, GPS-Like, EGNOS e GSTB V2.

  • Fase B: Sviluppo completo e Operatività Iniziale. Implementazione della configurazione finale del GTR con la capacità aggiuntiva, rispetto alla Fase A, di generare segnali Galileo-Like e con la capacità di ricezione ed analisi dei segnali Galileo (almeno dei satelliti Galileo-IOV) e Galileo-Like.

  • Fase C: Fase Operativa del GTR in configurazione finale. A seguito del completamento della Fase B, avrà inizio la fase operativa del GTR in configurazione finale.